Novità per la raccolta del rifiuto residuo

Nei condomini fino a 13 unità a Trento

 
 

Rifiuto residuoAnche i cittadini che risiedono in condomini con un numero di appartamenti compreso fra 5 e 13 saranno dotati di un contenitore individuale per il rifiuto RESIDUO (come già avviene dal 2013 per i residenti in edifici con meno di 5 unità immobiliari) dotato di microchip per poter registrare ogni svuotamento; si potrà scegliere fra un mastello del volume di 30 litri o un bidone da 120 litri.

Il nuovo progetto interesserà circa 12000 famiglie e 500 utenze non domestiche (per la maggior parte uffici) distribuiti sull’intero territorio comunale.

I cittadini interessati dal progetto riceveranno una lettera di spiegazione delle nuove modalità di raccolta del rifiuto residuo, successivamente saranno informati del giorno di passaggio dei nostri operatori  con un avviso affisso sulla porta d’ingresso del condominio.
Per coloro che non fossero presenti a casa nel giorno indicato è previsto un secondo passaggio circa due settimane dopo, nel giorno indicato con apposito foglietto appeso sulla porta dell’appartamento;  in caso di assenza anche al secondo tentativo saranno informati con un secondo avviso della necessità di recarsi entro la fine del prossimo mese di giugno presso gli uffici di Dolomiti Ambiente in Tangenziale Ovest (presso il CRZ).

Dopo il 1° luglio 2017 non sarà più possibile esporre per la raccolta del residuo i sacchi TARI, ma si dovrà utilizzare il nuovo contenitore individuale, esponendolo per lo svuotamento accanto agli altri contenitori condominiali dedicati alla raccolta differenziata di carta, vetro e organico secondo il calendario di raccolta.  In questo modo ogni utenza pagherà in base a quanto rifiuto residuo produce:  meno svuotamenti si effettuano, meno si pagherà.  Per risparmiare è quindi consigliabile differenziare con attenzione i rifiuti riciclabili ed esporre il proprio contenitore per il residuo solo quando sarà pieno.

Dopo il 1° luglio eventuali sacchi verdi TARI rimasti inutilizzati potranno essere utilizzati fino ad esaurimento all’interno del proprio contenitore: non sarà contabilizzata la frazione di sacchi già consegnata di competenza del secondo semestre 2017.

Per tutti gli altri rifiuti non cambia nulla, si continua come prima